ATTRATTIVITA’ DEL TERRITORIO – TANTI BENI DEL PATRIMONIO DI MODUGNO NEL PROGETTO “I GIOIELLI DELLA CORONA” CANDIDATO DALL’AREA METROPOLITANA AL BANDO MIBACT “PER LA VALORIZZAZIONE DELLE AREE DI ATTRAZIONE CULTURALE” IN 14 COMUNI

Sono tanti i beni culturali di Modugno inseriti nel progetto “I Gioielli della Corona” che la Città Metropolitana ha trasmesso al Ministero dei Beni Culturali nell’ambito della misura promossa per sostenere “Interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale”. Modugno si inserisce così a pieno titolo in un percorso culturale di ampio respiro nel quale il patrimonio storico/artistico del Comune potrà essere valorizzato/riqualificato in un’ottica di potenziamento dell’offerta culturale e turistica del territorio.

Casale di Balsignano, Palazzo La Corte, Palazzo Santa Croce, Chiesa del Purgatorio, Chiesa SS. Annunziata, Chiesa delle Monacelle e Santuario della Madonna della Grotta: è ben nutrito l’elenco dei beni del Comune di Modugno che – grazie alla proposta progettuale con cui l’amministrazione Magrone ha aderito formalmente lo scorso 4 agosto alla rete dei comuni interessati al bando – risulta oggi confluito nel progetto unitario candidato dall’Area Metropolitana alla misura promossa dal Ministero. L’obiettivo è quello di vedere riconosciuti fondi utili alla progettazione di una serie di interventi di riqualificazione e valorizzazione di beni materiali e immateriali nei territori delle città aderenti. Quattordici i comuni partecipanti al progetto: Bari è il comune capofila e, con Modugno, partecipano Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Bitritto, Binetto, Bitetto, Capurso, Cellamare, Giovinazzo, Grumo Appula, Triggiano, Valenzano e Sannicandro.

Obiettivo dei comuni così raggruppati è accedere ai fondi per creare il polo museale Terra di Bari. Le risorse messe a disposizione dal Ministero dei Beni Culturali dovranno infatti essere utilizzate per sviluppare infrastrutture, sostenere spese per l’acquisizione di servizi, elaborare e predisporre progetti di gestione o riqualificazione dei maggiori attrattori culturali in ogni città.

Il bando selettivo del Mibact finanzia progetti integrati su scala territoriale/locale di valorizzazione culturale ai Comuni che, consorziandosi, hanno costituito un bacino minimo di 150.000 abitanti (i comuni devono essere limitrofi).

Lascia un commento