DISPOSTO LO SPOSTAMENTO DEL MERCATO DEL VENERDÌ: DAL 15 GENNAIO SI SVOLGERÀ IN ZONA PISCINE COMUNALI

L’amministrazione Magrone impegnata nello studio di soluzioni diverse

Il provvedimento di spostamento è stato adottato ieri (11 gennaio 2016) dal Dirigente delle Attività Produttive del Comune di Modugno, nella corretta esecuzione della delibera di settembre 2014 con la quale il Commissario Straordinario, modificando il relativo regolamento, ha cambiato la localizzazione del mercato settimanale.

L’individuazione della nuova area (una superficie di circa 4000 metri quadrati), destinata dal prossimo 15 gennaio allo svolgimento delle attività mercatali, risale a un atto di indirizzo della Giunta Comunale in carica nel 2011, con il quale si spostava il mercato da via Salvo D’Acquisto, via Don Minzoni, via Cimarrusti, nella zona ritenuta allora più idonea: via M.llo Di Cristo, via Savatti, piazzale parcheggi Piscine Comunali.

L’amministrazione Magrone ribadisce di non essere intervenuta con scelte politiche nell’iter di trasferimento del mercato, partito per volontà di precedenti amministrazioni, e di essersi limitata ad attuare nel rigoroso rispetto delle norme quanto già precedentemente deciso da altri, dando mandato agli uffici di attivare tutti i procedimenti necessari alla conclusione della vicenda. Tuttavia, l’amministrazione comunale resta impegnata nello studio di nuove soluzioni e formule alternative circa la configurazione e la localizzazione del tradizionale mercato del venerdì.

Il mercato settimanale, che si svolge a Modugno il venerdì dalle 7 alle 14 per il commercio di prodotti d’abbigliamento e generi vari non alimentari, fu spostato in via Salvo D’Acquisto, etc. nel 1991 a seguito di un’ordinanza sindacale e della decisione del Consiglio Comunale dell’epoca. Da allora la questione del mercato si è andata configurando come vicenda molto complessa da gestire, sulla quale comunque l’amministrazione Magrone verificherà tutte le condizioni per una collocazione definitiva, utile per i cittadini e per gli operatori economici.

Lascia una risposta