MODUGNO, DAL CONSIGLIO COMUNALE UN REGOLAMENTO PER IL BENESSERE DEGLI ANIMALI

Con l’approvazione della proposta della maggioranza, il Comune si dota di uno strumento per realizzare e gestire aree attrezzate dedicate al gioco e allo sgambamento dei cani, spazi riservati dove gli amici a quattro zampe possono essere liberati in sicurezza.

Impulso arrivato dalla volontà dell’amministrazione comunale di allestire anche a Modugno aree da mettere a disposizione dei proprietari di cani.

Aree attrezzate adibite allo sgambamento per cani. Da oggi il Comune di Modugno ha un regolamento che ne consente l’individuazione e la creazione sul territorio comunale e ne disciplina quindi l’utilizzo. Il Consiglio Comunale del 21 settembre ha approvato all’unanimità la proposta della maggioranza consiliare di istituire una serie di norme, racchiuse in un regolamento, che disciplinano l’accesso, l’utilizzo e la gestione delle aree-cani sul territorio comunale. Una proposta, dunque, in coerenza con l’obiettivo dell’amministrazione Magrone di giungere a dotare il Comune di una o più strutture necessarie al territorio e porre così fine a un ritardo trentennale nell’affrontare gli aspetti che riguardano la salute e la convivenza in spazi comuni di cani di diversa natura, razza, età e taglia. Connessa a tali finalità anche la necessità di stabilire obblighi e doveri a scopo educativo nella relazione proprietario-cane.

Per area di sgambamento si intende un ambiente opportunamente delimitato dove è consentito l’accesso ai cani senza guinzaglio e senza l’obbligo della museruola purché sotto la stretta vigilanza dei proprietari. Secondo il regolamento approvato oggi, sia l’Amministrazione che soggetti privati potranno assumere iniziative finalizzate a istituire aree attrezzate che potranno così essere pubbliche (di proprietà comunale e gestite dal Comune), aree miste pubbliche (di proprietà comunale e gestite dal privato), private a gestione privata, oppure ancora aree miste private (a gestione comunale). Le aree dovranno avere una superficie minima di 20 metri quadri, dovranno essere recintate ed essere dotate di un adeguato numero di cestini per la raccolta delle deiezioni canine. Per accedervi i proprietari di cani dovranno fornire, registrandosi con apposito modulo, le proprie generalità e le informazioni sul cane (nome, razza, microchip, mantello, etc.) e soprattutto il certificato di iscrizione all’anagrafe canina e una copia del libretto sanitario del cane. In ciascuna area-cani sarà consentito contemporaneamente l’accesso fino a un massimo di cinque cani ad eccezione degli spazi riservati ai cani sensibili, nei quali l’accesso sarà consentito uno per volta. Nel caso del raggiungimento della capienza massima la permanenza nelle aree sarà di massimo 30 minuti in modo da garantire la fruizione da parte di tutti.

La volontà dell’Amministrazione Comunale è ora quella di creare la prima area di sgambamento di Modugno in uno spazio individuato all’interno del Parco San Pio.

Lascia un commento