MODUGNO, PER I DANNI CAUSATI DAL MALTEMPO IL SINDACO CHIEDE LO STATO DI CALAMITÀ NATURALE

Condizioni meteo di eccezionale avversità, nubifragi violenti, tromba d’aria e una grandinata dagli effetti devastanti. Colpita pesantemente l’agricoltura e danneggiate strutture pubbliche. Il Comune di Modugno chiede il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

maltempo 2

Il Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, ha indirizzato alle autorità preposte (Prefetto, Provincia di Bari e Regione Puglia) la richiesta “di attivare le procedure di legge al fine di valutare e riconoscere le provvidenze di legge di calamità naturale”. A motivo della richiesta, la conta dei danni arrecati alle coltivazioni agricole e alle strutture pubbliche (fognatura pluviale, viabilità urbana ed extraurbana, edifici scolastici) dalla grandinata del 17 giugno e dai ripetuti, violenti nubifragi abbattutisi su tutto il territorio comunale a partire dal 16 giugno perdurando per tutte le giornate del 17 e 18 giugno. Particolarmente colpita l’agricoltura, dove in conseguenza del maltempo risultano irrimediabilmente compromessi interi raccolti di frutteti, mandorleti e uliveti e pesantemente danneggiato un elevatissimo numero  di strutture agricole.

VIOLENTI E RIPETUTI NUBIFRAGI, CON PERICOLOSI FENOMENI DI ALLUVIONAMENTO, COLPISCONO IL TERRITORIO DI MODUGNO.  EFFICIENTE LA STRUTTURA “VIGILI DEL FUOCO – POLIZIA MUNICIPALE – PROTEZIONE CIVILE”: EVITATI DANNI ALLE PERSONE

maltempo

Il Sindaco Magrone: “Nonostante i disagi e gli annosi problemi di allagamento per insufficienza di superficie permeabile, gli interventi tempestivi e coordinati di Vigili del Fuoco, Polizia Municipale e volontari della Protezione Civile Comunale, hanno evitato danni alla popolazione.”

Precipitazioni particolarmente intense, accompagnate da forti temporali, grandinate dalle proporzioni inconsuete e diffusa attività di fulminazione. Tre giorni di maltempo che hanno funestato la Puglia senza risparmiare il territorio della provincia di Bari, dove i fenomeni hanno anzi raggiunto il picco massimo. Strade inondate d’acqua divenute torrenti in piena e campagne sommerse, danni alle coltivazioni agricole anche a causa della grandinata abbattutasi nel pomeriggio del 17 giugno nella zona dell’ovest barese, con chicchi di ghiaccio di notevoli dimensioni. Nel Comune di Modugno, tuttavia, non ci sono stati danni alle persone anche grazie alla tempestività degli interventi di Vigili del Fuoco e Vigili Urbani e ai soccorsi attivati dai volontari del gruppo comunale della Protezione Civile.

I fenomeni più gravi si sono verificati nel pomeriggio del 17 giugno nonostante non fosse allora in corso alcun avviso di criticità regionale da parte del Servizio Civile Regione Puglia ma solo un’allerta meteo. La formazione di pericolosi corsi d’acqua in città e nelle campagne limitrofe ha reso necessari interventi e operazioni di soccorso che nel Comune di Modugno sono risultati particolarmente tempestivi ed efficaci. Vigili del Fuoco variamente impegnati nei numerosi luoghi interessati da fenomeni di alluvionamento, Vigili Urbani che hanno garantito la pubblica incolumità chiudendo al traffico tratti viari cittadini e intere strade di campagna, volontari della Protezione Civile corsi in aiuto di alcune persone bloccate in auto sommerse dall’acqua e di gente che non poteva tornare a casa per colpa degli allagamenti. Sono stati chiusi al traffico un tratto di via Bitonto (nei pressi del passaggio a livello), la Strada Provinciale Modugno-Sannicandro e le strade di campagna di Sottosomma e Sottomura; queste ultime giudicate subito come molto pericolose per richio di smottamenti e per il perdurante scorrimento di colate di fango. Tra le altre cose, le unità di intervento sono state molto impegnate in città nella pulizia di caditoie a griglia per favorire così il deflusso delle acque piovane. Nel quartiere di Porto Torres, nel quale l’accumulo di acqua piovana raggiunge solitamente i livelli più allarmanti, i mezzi e il personale inviati dal Comune sono stati impegnati per parecchie ore, sino a notte, per aspirare acqua.

Il bollettino per rischio idrogeologico del servizio regionale di Protezione Civile ha segnalato, nell’aggiornamento della notte tra il 17 e il 18 giugno, estendendolo fino al 19 giugno, un livello di criticità nel territorio di Modugno per il rischio causato dalla impermeabilizzazione di terreni all’eccesso di acqua e il rischio di smottamenti dalla vicina murgia: il Comune di Modugno, tramite polizia municipale e protezione civile, ha tuttavia tenuto pienamente sotto controllo la situazione già da ieri pomeriggio per aver prediposto per tempo ogni misura utile a garantire la sicurezza della popolazione.

Lascia una risposta