SCUOLE GANDHI E CASAVOLA, IL COMUNE RIMETTE A NUOVO LE PALESTRE

30.000 euro l’importo complessivo dei lavori di risistemazione delle palestre dei due plessi scolastici, per renderle così più sicure e idonee alle attività che vi si svolgono.
L’assessore Benedetto: le scuole sono una priorità, la sicurezza e la qualità della vita in ambienti scolastici sono al centro di una serie di interventi già programmati da questa amministrazione.

CatturaModugno – Partiranno tra pochi giorni lavori di rifacimento per rendere completamente ammodernate e più funzionali le palestre dei plessi scolastici “Casavola” e “Gandhi” (quest’ultima sita nel quartiere Cecilia). È in corso di realizzazione infatti il progetto, elaborato dall’ufficio Lavori Pubblici del Comune, di risistemazione delle palestre delle due scuole con lavori di svellimento, fornitura e posa in opera della nuova pavimentazione. In pratica sarà eliminato il parquet preesistente, ormai usurato e divenuto inadatto alle attività dei ragazzi, per lasciare spazio a materiali più idonei e conformi alle norme di legge: verrà installata una pavimentazione in pvc, dai colori vivaci, adatta alle attività sportive indoor quali competizioni di pallavolo, calcetto e pallamano. Per questi interventi è stata impegnata una somma di circa 30.000 euro dal bilancio comunale.
“Per ciò che riguarda il quartiere Cecilia – dice l’assessore ai Lavori Pubblici, Francesca Benedetto – questo è solo il primo di una serie di interventi che l’amministrazione comunale prevede di fare nella logica della riqualificazione della zona. Abbiamo infatti già chiesto alla dirigente scolastica il permesso di rimuovere la recinzione della scuola Gandhi in modo che il giardinetto al suo interno possa essere fruito da tutti e possa, in questo modo, confluire nell’intervento già programmato dal comune di riqualificazione, soprattutto con verde attrezzato, delle aree adiacenti la scuola.
“Per quanto attiene alle scuole del territorio comunale – continua l’assessore Benedetto -, sono stati ultimati i progetti preliminari di manutenzione straordinaria, adeguamento normativo degli edifici sotto il profilo strutturale, elettrico e tecnologico e di ristrutturazione edilizia per consentire al Comune di realizzare, nei limiti di disponibilità del bilancio, interventi nel breve tempo o, auspico, poter candidare i singoli progetti elaborati dagli uffici ai finanziamenti regionali/statali previsti nell’ambito dei programmi ‘scuole nuove’, ‘scuole sicure’, legge 107/2015 cosiddetta della ‘buona scuola’ nella parte in cui prevede finanziamenti per l’edilizia scolastica”.

Lascia una risposta